copertina_reflets d'amitie

Reflets d’amitie’_

Sull’argento, simbolo di lusso e di eleganza, si è fondata la produzione Christofle fin dalla sua nascita nel 1830.

Nel 2008, presso la Triennale di Milano, in occasione del Salone del Mobile, Christofle ha voluto raccontare un punto focale della sua storia cioè lo straordinario incontro con Gio Ponti, e il percorso creativo  che ha dato vita ai pezzi in argento disegnati tra il 1925 ed il 1978, alcuni dei quali messi in produzione solamente in occasione di questa importante mostra.

Una collezione di oggetti di grande impatto visivo ed emotivo, per lo più sconosciuti al grande pubblico, comunque chiave di lettura di un’impresa da sempre votata alla modernità, all’innovazione e al futuro.

Attraverso queste eccezionali riedizioni, l’esposizione della Triennale ripercorre l’arte e lo stile di Ponti nel corso di tre momenti emblematici della sua opera, ponendo l’accento sul fecondo rapporto creativo e sulle affinità tra tre figure chiave : Gio Ponti, Tony Bouilhet, allora proprietario e direttore della Christofle, e il giovane orafo italiano Lino Sabattini.

« Reflets d’Amitié », la mostra simbolo di una straordinaria collaborazione creativa tra Parigi e Milano.

Per Lino questa e’ l’importante occasione per mostrare finalmente al pubblico i magnifici esemplari frutto della collaborazione con Ponti e Christofle. Oggetti meravigliosi che all’epoca risultarono “troppo moderni”.

Leggi la cartella stampa: Reflets d’amitie_cartella stampa_Ponti-Sabattini

a cura di:
Brigitte Fitoussi_Art Director di Christofle
Sophie Bouilhet Dumas_Curatrice del progetto Christofle – Ponti, membro della famiglia Bouilhet-Christofle e pronipote di Gio Ponti
Salvatore Licitra_Archivista e curatore della mostra alla Triennale. Artista e nipote di Gio Ponti
Italo Lupi_Responsabile di entrambi la scenografia e la grafica della mostra alla Triennale
Lino Sabattini_Consulente per il progetto Christofle – Ponti 2008. Orafo indipendente
Testi_Lisa Ponti- Brigitte Fitoussi – Sophie Bouilhet Dumas

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *